• it

Questa 112a edizione è stata un vero successo

ROLEX MONTE-CARLO MASTERS 2019
22.04.2018

È tempo per me di redigere il bilancio tradizionale del Rolex Monte-Carlo Masters.

Questa 112a edizione è stata un grande successo e per noi una vera soddisfazione. Il tempo è stato eccezionale. Fedele alla nostra reputazione, siamo stati in grado di lanciare la stagione estiva sulla Costa Azzurra dopo le piogge torrenziali della scorsa settimana. L’inverno ha lasciato il posto all’estate e siamo riusciti a iniziare le partite tutti i giorni senza alcun rinvio e in condizioni eccellenti.

Con gli ultimi ampliamenti della capacità, abbiamo già raggiunto il record di circa 136.000 spettatori, in attesa dei dati di vendita agli sportelli oggi. E già martedì, il botteghino era al completo. Alcuni punti salienti hanno segnato questa edizione del Rolex Monte-Carlo Masters. Due eventi che riflettono la reputazione del nostro torneo e la sua influenza a livello internazionale.

Fortemente impegnato nella salvaguardia dell’ambiente, otto tra i migliori giocatori del Torneo hanno partecipato con entusiasmo a un’esibizione originale, organizzata a favore della Fondazione Principe Alberto II di Monaco. I campioni sono stati al gioco, accompagnati da alcune stelle del famoso programma televisivo “The League of their own”, come l’ex Spice girl Geri Halliwell o Jamie Redknapp Liverpool Reds … Questo evento è stato registrato per la trasmissione su SKY UK e su CBS negli Stati Uniti il ​​prossimo gennaio. In totale, quasi 8 milioni di spettatori in tutto il mondo stanno seguendo questo spettacolo, dandoci grande visibilità e promozione, sia per il Torneo che per la Fondazione Principe Alberto II di Monaco.

Un altro grande momento di importanza internazionale: la cerimonia di assegnazione dell’anello ufficiale della International Hall of Fame, l’onorificenza suprema nel tennis, a Boris Becker. Dopo un incontro con SAS il Principe Alberto II di Monaco nel suo camerino, la Baronessa Elizabeth-Ann de Massy, ​​Presidente del Comitato del Torneo, ha consegnato l’anello all’ex campione tedesco, finalista per tre volte del torneo, e alla presenza di Todd Martin, il direttore della Hall of Fame.

Dal punto di vista sportivo, questa edizione 2018 ha dimostrato che il mondo del tennis si sta lentamente voltando verso il futuro. Il pubblico del Monte-Carlo Country Club è stato in grado di scoprire nuovi talenti che continuano a crescere lentamente in potenza. Come Karen Khachanov, Thanasi Kokkinakis di Daniil Medvedev, Felix Augier-Aliassime, 17 anni, e Alexander Zverev, che ha celebrato il suo 21° compleanno qualificandosi per le semifinali venerdì sera. Una delle partite più belle del Torneo.

Siamo stati anche contenti di vedere Richard Gasquet dimostrare il suo amore per il Rolex Monte-Carlo Masters regalandoci un bellissimo tennis. Richard ha firmato giovedì la sua 500esima vittoria sul circuito ATP. Simbolicamente, il francese ha raggiunto questa cifra, qui a Monaco, dove lo abbiamo visto vincere, a 15 anni, il primo successo della sua carriera. Con una tale esibizione, incide ancora più profondamente il suo nome nella storia del tennis francese.

Un altro giocatore che abbiamo visto schiudersi è il detentore del titolo: Rafael Nadal, che sarà in finale tra poche ore. Rafa entrato nelle qualificazioni all’età di 16 anni e aveva fatto scalpore nel 2003, perdendo solo negli ottavi contro Coria. Siamo stati in grado di seguirlo con passione e ammirazione durante le sue 14 partecipazioni, tra cui 10 vittorie. Più che un record, un riferimento! Con questa nuova finale senza precedenti, contro Kei Nishikori, ex finalista degli US Open che aveva partecipato solo una volta al nostro torneo nel 2012, il N°1 del mondo nella classifica ATP punta a un 11a vittoria, una “undecima”. Mai nella storia del tennis, un campione ha vinto lo stesso torneo undici volte.

Sono pronto a rispondere alle vostre domande.

D. Quanti spettatori italiani hanno partecipato al torneo?

R. Non abbiamo ancora le cifre finali. Tradizionalmente rappresentano il 35-40% del numero totale di spettatori, ovvero 136.000. Calcolando rapidamente, arriviamo a circa 40.000.

Q. Abbiamo visto partite magnifiche in tre set, Nishikori e Gasquet. In Italia, hanno fatto test per accelerare il gioco, con No Let, 20 secondi, cosa ne pensa?

R. Dovremmo chiedere ad ATP, hanno fatto i test. Ma dopo aver fatto i test, bisogna prendere le giuste decisioni, essere ragionevoli. Personalmente mi sono piaciuti questi match in tre set. Ciò che dovrebbe essere accorciato sono le pause tra i punti, tra il primo e il secondo servizio. Potremmo mettere un cronometro, per accelerare il gioco, perché ci vuole un sacco di tempo per l’asciugamano, ad esempio. Il problema non sono i tre set, abbiamo il tie-break per accorciare il gioco.

Grazie a tutti.