• it

Nadal: “Adoro questo torneo”

ROLEX MONTE-CARLO MASTERS 2018
15.04.2018

Rafael Nadal è pronto per iniziare il suo torneo, quello che gli sta particolarmente a cuore. Guarito dall’infortunio al muscolo psoas che gli ha rovinato la prima metà della stagione, il dieci volte vincitore del Rolex Monte-Carlo Masters è stato in grado di allenarsi su terra battuta e arriva fiducioso sul Rocher soprattutto dopo le sue due vittorie in Coppa Davis.

 

Rolex Monte-Carlo Masters 2018

 

Intervista   Ti senti pronto per questa stagione sulla terra battuta?

Rafael Nadal: lo spero (sorride). Ho avuto due belle giornate di allenamento qui al Monte-Carlo Country Club. Ho giocato due buoni set. Adoro questo torneo. Mi sento sempre bene qui. Il tempo è buono anche se non è stato così di recente. Non c’è vento. Sono delle buone condizioni per giocare a tennis. Mi godo il fatto di essere qui a Monte-Carlo, un torneo dove ho sempre le migliori sensazioni possibili. Ho bei ricordi qui. Quindi continuerò ad allenarmi bene per essere pronto per l’inizio della competizione e a quel punto cercherò di dare il meglio di me stesso. Spero davvero che qui potrò, per la prima volta quest’anno, arrivare alla fine di un torneo.

Ti senti al 100% fisicamente?

Rafael Nadal: Dico sempre che non sono bravo con i numeri. (sorride) Quello che posso dire è che mi sento bene. Mi alleno bene con la giusta intensità, penso. Mi sento pronto a giocare bene. Poi non so cosa potrà succedere. Quest’anno non ho giocato abbastanza partite per essere sicuro di cosa succederà. E in ogni caso non si può mai essere sicuri al 100% di quello che succederà. Ma le sensazioni sono buone.

Rolex Monte-Carlo Masters 2018

L’adattamento alla terra battuta richiede tempo. Diventa più facile con gli anni?

Rafael Nadal: No. Era più facile quando ero più giovane. Perché giocavo molto di più sulla terra rossa. Da quando sono sull’ATP World Tour, quindi da oltre 10 anni, gioco solo 5 tornei sulla terra battuta (Monte-Carlo, Barcellona, ​​Madrid, Roma e Roland-Garros). Non è molto. Quindi, ci vuole un po’ di tempo per trovare tutti gli automatismi. Ma quest’anno riconosco che la Coppa Davis mi ha aiutato. Quindi, Monte Carlo non è il mio primo evento sulla terra battuta. A volte vengo qui e gioco molto bene e alle volte in modo mediocre. Vedremo. La mia unica certezza è che i primi turni sono sempre pericolosi e che dovrò essere subito molto concentrato. Ogni partita vinta sarà preziosa perché non ho giocato molto quest’anno. Ogni partita vinta significa fiducia che si recupera e l’opportunità di progredire.

Qui a Monte-Carlo, tuttavia, sembra che tu abbia più facilità degli altri giocatori ad adattarsi …

Rafael Nadal: Esatto. Vi mentirei – e non alcun ho motivo di mentirvi (sorriso) – se vi dicessi che a Monte-Carlo non mi adatto facilmente. La verità è che a Monte-Carlo mi sono quasi sempre sentito bene. Apprezzo questo torneo e devo ammettere che questo campo mi dà delle sensazioni positive.