Informazioni biglietteria 2023

Cari spettatori,

Consultate da subito in anteprima le tariffe biglietteria del Rolex Monte-Carlo Masters 2023 qui

Per vostra informazione, le Vendite Esclusive inizieranno il Martedì 4 ottobre prossimo, alle 9.00 (riservate esclusivamente ai clienti della prenotazione presenti nell’edizione 2023 che riceveranno direttamente via e-mail i loro codici di accesso individuale a partire da metà settembre).

Per l’accesso del Grande Pubblico, le vendite saranno aperte a partire da Martedì 18 ottobre sempre alle 9.00.

Vi ringraziamo per il vostro interesse per il Rolex Monte-Carlo Masters e vi diamo appuntamento per questa nuova edizione!

Il Servizio Biglietteria
+377-97-98-70-00
info@smett.mc

Exclusive interview Sinner

Mental health is a problem in our current society. The Italian Jannik Sinner, rising star of the ATP circuit and now a member of the Top 10, is not only fully committed on the tennis courts. He is also at the initiative of an awareness campaign on the mental health of athletes, particularly affected during the Covid19 pandemic.

Tell us about your mental health campaign What’s Kept You Moving?

I came up with the idea of What’s Kept You Moving during lockdown in 2020, I wanted to create a conversation around how people are dealing with difficult times and that its ok to talk about hard things that you’re facing. 2020 was the start of a hard time for many, many people, especially my generation, Generation-Z in relation to mental health. It was a huge problem before the pandemic and since then it has only been heightened. I wanted to collect people’s stories of how they have delt with mental health with the with the hope to create a sense of community and a safe space to share your thoughts and feelings, with the idea to get people talking more about it.

Have you enjoyed creating the project so far?

For me it’s been great, to feel like I am able to give back a little bit and use the platform that I have for good. The project has received some great feedback and a lot of support, it’s very inspiring for me to see people get behind this and show their support. So far, I have spoken to a mixture of people from athletes to young aspiring tennis players, and everyone has been able to share their positive and negative experiences of the last few years, to hear everyone’s stories has been a privilege for me.

What have you learnt by going through this process?

One reason for making this project was that I feel like everyone has a story, no matter what walk of life you are from or what stage of your life you are in, everyone has a story which should be told. This is something I felt before the project but has only been justified further since the start of it. To see that no matter what people are doing or going through in their life, we can all relate. That’s why I am happy its sort of made a community where people are able to come together and share experiences.

Tell us about some of the participants in your project so far?

I’ve spoken to many great people so far and I hope to continue to in the future. So far I have spoken to Paralympic gold medallist Bebe Vio, Filippo Tortu, Jordyn Huitema, Favij and a number of junior aspiring tennis players. It’s been great because each participant has brought something different to each episode. Bebe was great because she is a friend of mine and to have her be part of the project was fun, she shared how she found the process of trying to prepare for the Olympic Games in the middle of a pandemic and the uncertainties that placed on her shoulders, so to see her go on to defend her Olympic title was extra special. Next I will be speaking to a Dr who was on the frontline during the height of the pandemic, I think it will be very interesting to speak to them to understand how the past couple of years have been for them and how they were able to navigate through it.

Why do you think it’s important to create a discussion around mental health?

For me, I feel like not enough people were or are talking about the subject, there are some conversations happening but not enough, and that’s why I wanted to use the platform that I have to try and create some awareness and get more people talking. As I said before, my generation has been really struggling when it comes to mental health, especially throughout the pandemic, people have felt isolated and alone due to the uncommon circumstances we found ourselves in, so I feel the more people that can talk about it and destigmatise it the better, creating a community where everyone feels safe to talk about how they feel was and is the goal.

Where do you see What’s Kept You Moving going in the future?

I’m keen to keep building out the project for years to come, I think it’s very important to continue raising awareness around mental health in whatever way that may be, it’s something I want to continue to do. As I said I have a platform with what I do so I have the desire to build something that can help other people. I have the next few participants lined up for my social channel episodes, and I am already working on an exciting project with GQ to build this out even further. It’s an ongoing topic that is very important to me and I want to continue to raise awareness and give back to whenever I can.

Exclusive interview Tsitsipas

For two seasons, the ATP Tour has lived, like the rest of the world, to the rhythm of the Covid. Do we end up getting used to it?

It’s not been easy for sure but considering how many people are suffering in the world, we should not complain.

Does this significantly change your approach to competition and/or your programming?

I practice just as hard as I did before the pandemic and try to have a full tournament schedule.

What do you think is the heaviest?

All the restrictions, tests, etc but as I said before, compared to the rest of the world, we are privileged to still be able to travel the world and play our sport.

You often used to visit, walk around, even film the cities in which you came to play tournaments … do you miss that? Or does it ultimately allow you to focus only on tennis ?

I love exploring the places where we play, it is so enriching and fun to do so, travel is one of the best educators. Unfortunately, we have not been able to do as much as before but it is out of our control.

Are you suddenly much less present on social networks? Voluntarily?

Sometimes I think it is good to take a little break from social media. It should not take over your life. But like anything its a habit, we have to try and find a balance in the end.

The European clay-court season is coming… we imagine you are already impatient to defend your title at the Rolex Monte-Carlo Masters…

I love playing on clay, I grew up on the surface and Monaco is where I live. I can’t wait to try and defend my title at the MCCC.

After your success at the Masters in 2019, it was your first Masters 1000 title last year. Obviously a great memory … A tournament won with authority, without losing a set…
During this 2021 édition of the Rolex Monte-Carlo Masters, we discovered a more pragmatic, more poised, less volcanic Stefanos Tsitsipas. Is combining your inspired tennis with a «more calculating» side a necessity to win big tournaments?

I had a great week in Monte Carlo last year, everything clicked for me. It was one of the best weeks of my career, together with the Nitto ATP Finals in 2019.

In 2019, you said: “Offensive play is the future of tennis! “Do you still think so?

I still believe you must attack and try to win the point first, I like to control the game.

Patrice Dominguez, former tournament director, used to say that those who shone in Monte-Carlo also shone at Roland-Garros. It was often true. This was the case for you with this final in Paris…You led two sets to zero against Novak Djokovic in the Roland-Garros final. What remains of this meeting?

It was a very painful loss; it took me time to recover from it. It was an incredible experience nonetheless, which showed me I can be on the biggest stages of tennis and compete with the best to win a grand slam title.

More than ever, we feel you are capable of winning a Grand Slam tournament… is it for 2022?

I hope so, that is what I work for every day.

Strangely, you only have 7 ATP titles on your list… do you think that’s too few?

I am only 23 and I have always played the big tournaments with all top players competing. I don’t think 7 titles is too few, it’s all part of my journey, so far 😉

The last three were won in France (or almost): Marseille, Monte-Carlo and Lyon. Pure chance or the culture of the country suits you perfectly?

I love playing in France and Monaco, the crowd is so knowledgeable and there is so much tennis tradition. Plus, part of my team is French and being around them has helped me understand the language more and more, I am not fluent, but I do aspire to get there one day.

Dominic Thiem and Daniil Medvedev won the US Open in 2020 and 2021 respectively, Alexander Zverev the Olympic title in Tokyo and twice the Masters, you also won the Masters… even if Novak Djokovic came very close to a historic Grand Slam the last season, the competition thickened considerably for the giants Djoko-Nadal and Federer…

I think we are closing in on them, they have been the best generation of players that tennis ever had in history, it’s not been easy to break through, but they have helped us raise our game, without them we would not have been able to raise our games to a higher level.

Can you imagine them continuing again? And still be able to win?

Djokovic is still number one and Nadal is coming back and won his first tournament upon returning. For sure they can continue to win.

You are (still) part of the younger generation. But an even younger one is already arriving. Who would you bet on for a nice surprise in 2022? And on the decade to come?

I think Sinner and Alcaraz are probably ahead of the others right now, but there are a lot of young and dangerous players out there. The future of tennis will be fun!

Una Nuova leadership team

David Massey nominato Direttore del Rolex Monte-Carlo Masters

Giovedì 30 giugno 2022 – Il Rolex Monte-Carlo Masters è lieto di annunciare che David Massey è stato nominato Direttore del torneo monegasco, uno dei più emblematici del circuito ATP, che dà il via ogni anno alla stagione su terra battuta. David Massey lavorerà a stretto contatto e sotto la supervisione di Chris Kermode, l’Executive Advisor e Rappresentante Designato del Torneo.

«Sono molto felice di dare il benvenuto a Chris e a David, che conosco personalmente da molti anni, nella grande famiglia del tennis monegasco. Le loro rispettive esperienze sono un grande valore aggiunto per le nostre squadre e promettono un brillante futuro per il Torneo di Monte-Carlo! », ha dichiarato la Presidente della Federazione Monegasca di Tennis e del Monte-Carlo Country Club Melanie-Antoinette de Massy.

Residente nel Principato dalla fine del 2001, David Massey, 44 anni, ha lavorato per 20 anni con l’ATP Tour dove ha ricoperto incarichi nella comunicazione, sponsorizzazione e relazioni con i tornei prima di assumere il ruolo di Vice-Presidente dell’ATP per l’Europa nel 2009. Nel gennaio 2016, questo poliglotta, che parla correntemente inglese, francese e spagnolo, è stato nominato vicepresidente esecutivo dell’ATP in Europa, dirigendo tutti gli aspetti dei rapporti dell’ATP con i 31 tornei europei che compongono questo circuito internazionale di tennis maschile. Nell’ottobre 2021, David Massey è entrato a far parte del Rolex Monte-Carlo Masters come Vice Direttore del Torneo e assumerà la carica di Direttore del Torneo dal 1 luglio 2022. Succede così a Zeljko Franulovic.

«È un grande onore per me accettare questa nuova sfida. Vorrei ringraziare la signorina Melanie-Antoinette de Massy e tutti i membri del Comitato Organizzatore per la fiducia riposta in me. Grazie alla sua storia legata al Principato e alla Famiglia Principesca, al suo sito unico al mondo che si tuffa nel Mediterraneo e ai suoi prestigiosi partner, il Rolex Monte-Carlo Masters occupa un posto speciale nel cuore dei giocatori. Sotto l’impulso della Baronessa Elizabeth-Ann de Massy e dei miei predecessori, questo torneo centenario ha continuato a svilupparsi nel corso degli anni. Portando uno sguardo nuovo e la mia esperienza internazionale, mi auguro di poter continuare a farlo crescere sempre di più », ha affermato David Massey, quando è stata annunciata la sua nomina.

Chris Kermode è stato nominato Presidente Esecutivo e Presidente dell’ATP Tour tra il 2014 e il 2019, esercitando due mandati alla guida del tennis professionistico maschile. La sua carriera è iniziata come giocatore per poi passare alla gestione dei tornei, prima come Tournament Director al Queen’s Club di Londra e poi anche Direttore Generale dell’ATP Masters a Londra. Da gennaio 2020, Chris Kermode è un consigliere essenziale nonché rappresentante ufficiale del Rolex Monte-Carlo Masters.

Questa esperta coppia di doppio prepara già la 116a edizione, che si giocherà dall’8 al 16 aprile 2023, sull’ocra del prestigioso Monte-Carlo Country Club.

TSITSIPAS RADDOPPIA LA SCOMMESSA

Stefanos Tsitsipas ha mantenuto il titolo e ha vinto il suo secondo Masters 1000 battendo Alejandro Davidovich Fokina 6-3 7-6(3) in 1:36.

Questa volta, Stefanos Tsitsipas ha potuto condividere la sua felicità. Con la sua famiglia, ovviamente, ma soprattutto con i 10.000 spettatori del Rolex Monte-Carlo Masters. Incoronato lo scorso anno nel Principato, il greco aveva ovviamente assaporato questo primo Trofeo in Masters 1000 ma, a causa della pandemia di Covid-19, aveva alzato la Coppa del Principe Alberto II davanti a tribune disperatamente vuote. Quindi il suo sorriso, immenso, questa domenica 17 aprile 2022, sul palco di Corte Ranieri III, era ancora più ampio di dodici mesi prima. Sotto un sole cocente e un cielo azzurro immacolato, l’ovazione è stata lunga e sostenuta, perché anche il pubblico aveva un disperato bisogno di emozioni dal 2019 (l’edizione 2020 era stata annullata a causa della reclusione). Solo alcuni erano dispiaciuti che Alejandro Davidovich Fokina non abbia strappato il tie-break del secondo set per prolungare un po’ la suspense e giocare a una 115esima edizione ricca di colpi di scena.

Perché se Stefanos Tsitsipas ha vinto il suo 8° titolo ATP in due set (6-3, 7-6), riequilibrando un po’ il suo record di finali giocate (8 vittorie / 11 sconfitte), non è stato senza un piccolo spavento (uno in più) nella seconda manche. Logicamente, il greco, testa di serie n°3 e campione in carica, stava iniziando la partita più rilassato di Alejandro Davidovich Fokina, che stava giocando la sua prima finale in assoluto sul circuito. Ma se c’è uno sport in cui la logica è spesso messa in discussione, è il tennis. Ed è stato lo spagnolo a fare break per primo portandosi in vantaggio per 2-1 su un sottile taglio di rovescio ammortizzato. Vantaggio subito cancellato da Tsitsipas con un dritto che passa lungo la linea. La svolta del set arriva sul 4-3 Tsitsipas. Forzando un po’ per restare in contatto, Fokina sgancia un rovescio di ben venti centimetri e vede il set scivolargli via da sotto il naso (6-3 in 31 minuti). Questa volontà di tener testa al N°5° del mondo si riflette anche nel foglio finale delle statistiche (29 errori non forzati per 18 tiri vincenti per Fokina / 18 “winners” e 17 “unforced errors” per Tsitsipas.

Sulla sua corsa, il finalista del Roland-Garros 2021 ha fatto break all’inizio della seconda manche (2-0) e l’incontro sembrava chiuso. Per niente. Raccogliendo e scuotendo le poche gocce di benzina rimaste nel motore, Davidovich Fokina ha resistito come aveva annunciato per la sua prima grande finale. Ha segnato 10 punti su 11 per recuperare e persino passare avanti 3-2. Il pubblico a quel punto lo ha esortato a continuare. Tsitsipas, invece, stringe il gioco, lanciando un enorme grido di rabbia per pareggiare a 3-3. Lo stress ha catturato lo spagnolo sul 4-4. Primo con un 3° smash sbagliato dopo una magnifica difesa del greco. Poi con due falli, uno nel diritto e uno nel rovescio e uno Tsitsipas che spezza il ritmo per pungere meglio nel diritto e cogliere il servizio avversario. Ma come contro Diego Schwartzman nei quarti di finale (ha vinto 6-2, 5-2), il membro della Mouratoglou Academy, non è riuscito a chiudere sul servizio sul 5-4. Fokina ha alzato le braccia verso la folla, incoraggiandola ad alzarsi. Sconosciuto al grande pubblico prima dell’inizio della settimana, il nativo di Malaga si nutriva del potente “Foki! (il suo soprannome) Foki! Foki! cantato dagli spalti. Un grande riconoscimento per chi lunedì punterà al 27° posto nel mondo.

In caso di vittoria, sarebbe entrato nella Top 20. Ma il successo ha scelto il suo campo nel tie-break, quello del detentore del titolo. Sul 2 a 1, Tsitsipas ha decentrato un dritto che è atterrato… sulla linea e poi è finito a rete. Al suo secondo match point, sul 6-3, il greco si stacca in difesa e conclude con un magnifico passaggio di rovescio. Davidovich Fokina tenta un ultimo tuffo (la sua firma questa settimana). Invano. Ben presto i due giocatori si ritrovano a terra, supini, ricoperti di terra battuta. Uno autore di una doppietta a Monte-Carlo – come solo Rafael Nadal (dal 2005 al 2012 poi dal 2016 al 2018), Juan Carlos Ferrero (2002 e 2003), Thomas Muster (1995 e 1996), Bjorn Borg (1979 e 1980) ) e Ilie Nastase (dal 1971 al 1973) prima di lui nell’era Open, l’altro battuto ma pieno di speranze per il resto della stagione. Se Taylor Fritz, a Indian Wells, e Carlos Alcaraz, a Miami, avevano allungato la lista dei nuovi vincitori del Masters 1000, Stefanos Tsitsipas è diventato l’8° giocatore in attività del circuito a contare almeno due successi in questa categoria dietro a Djokovic (37) , Nadal (36), Federer (28), Murray (14), Zverev (5), Medvedev (4) e a pari merito con Tsonga (2).

 

 

«DOPPIAMENTE SPECIALE»

Hai appena vinto il Rolex Monte-Carlo Masters per la seconda volta consecutiva. Che cosa provi?”

Mi sento molto bene, è una sensazione molto piacevole, soprattutto perché quest’anno abbiamo potuto goderci il pubblico. Era più umano ed è doppiamente speciale. Ci sono così tante persone coinvolte e anche i fan. È stata una settimana fantastica. Non ho sempre giocato bene, ma sono riuscito a cavarmela.

Cosa significa per te giocare sulla terra battuta, sembra essere la superficie su cui giochi meglio…

Questa è probabilmente la superficie su cui riesco ad adattarmi meglio. A volte ho cercato di applicare le cose che faccio sul duro, ma non sempre funziona. Questo mi insegna anche ad aggiustare il tiro costantemente. Ho bisogno di tempo e di tante partite. Credo profondamente di poter vincere tornei su superfici diverse dalla terra battuta. La superficie su cui faccio più fatica ad adattarmi è l’erba, che tuttavia è la mia superficie preferita. Non ho avuto i risultati attesi negli ultimi anni su questa superficie. Spero di poter fare meglio quest’anno cambiando quello che bisogna cambiare.

Ti aspettavi di giocare così bene e qual è stata la parte più difficile del tuo match?

La cosa difficile quando giochi contro Alejandro è che è molto imprevedibile, non sai mai cosa aspettarti. Sul 5-4 del secondo set, (quando Stefanos Tsitsipas serve per la partita n.d.r.), sapevo che si sarebbe rilassato ed è lì che diventa molto pericoloso. Questo è uno dei motivi per cui ha vinto così tante partite questa settimana. Ha un gioco che gli permette di giocare in modo consistente sia di diritto che di rovescio. Oggi, forse non lo era tanto quanto quello che ho visto di lui prima. Era la sua prima finale e sapevo di avere un po’ più di esperienza. Ero già stato in questa situazione prima, so che devi rimanere calmo e controllare i tuoi nervi.

Sognavi di giocare qui quando avevi sei anni. Ora hai vinto qui, due volte, sei diventato il numero 3 del mondo, finalista al Roland-Garros… Hai ancora dei sogni?

Spero di continuare a fare bene sulla terra battuta e di migliorare le mie prestazioni su cemento ed erba, perché ho molti punti da vincere. Se riuscirò a vincere con la stessa costanza che sulla terra, spero di finire tra i primi 2 alla fine dell’anno.

Sei appena entrato nella ristretta cerchia di giocatori che hanno vinto il torneo due volte di seguito, solo sei di voi lo hanno fatto. Tutti loro, prima di te, hanno vinto il Roland-Garros e sono stati i numeri 1 al mondo, come reagisci a questa statistica? 

È molto incoraggiante. Ma voglio migliorare quella statistica e fare ancora meglio.

Pensi che un giorno la Grecia potrà ospitare un torneo ATP?

Non ho più informazioni di voi. Ma mi piacerebbe giocare un torneo in casa. Ne avevamo uno diversi anni fa, ma è finito quando sono nato, o poco prima. Sono sicuro che un giorno ce ne sarà uno di nuovo, sarebbe meraviglioso.

Apostolos Tsitsipas: “Siamo una famiglia di tennisti”

 

Quando ha capito che suo figlio era speciale? Quali rischi ha corso in quel momento, per scegliere questa strada, quando non sapeva che sarebbe diventato campione?

Questo è il problema di tanti genitori che scelgono questo destino per i propri figli. Nel tennis, se vuoi evolvere al massimo livello, devi fare scelte da molto giovani. Siamo una famiglia di tennisti, quindi potrebbe essere stato un po’ più facile per noi individuare segni significativi nel suo gioco. Nei suoi primi anni da junior, ha combinato scuola e tennis. Venivamo spesso in Francia e Stefanos faceva anche tornei junior durante le vacanze estive. Un giorno eravamo in Normandia e lui ha vinto un Junior Master a cui ci aveva chiesto di partecipare. Dopodiché, mi ha chiesto se poteva lasciare la scuola e dedicarsi interamente al tennis. La mia difficoltà era fare le scelte migliori per lui, tra i suoi sogni e la realtà. E poi, anche se tuo figlio si evolve nelle migliori accademie, è sempre molto importante che la famiglia sia presente. È una vita difficile, viaggiamo ogni settimana. Il fatto che fossimo tutti qui oggi lo ha reso più fiducioso e gli ha dato forza.

Molta attenzione è stata recentemente concentrata sulle “famiglie tennis”. Quale sarebbe il leitmotiv del clan Tsitsipas? 

Direi la libertà. È la cosa più importante. In una famiglia, dovresti sentire la libertà di andare verso ciò che desideri e realizzare i tuoi sogni.

Stefanos ha avuto un momento difficile a fine 2021. Si è infortunato, costretto al ritiro all’ultimo Master di Torino. Come ha vissuto questo periodo delicato? 

Nello sport, la cosa più stressante sono gli infortuni. Il tennis richiede di giocare ogni settimana. Non hai mai molto tempo di recupero. È molto importante mantenersi in forma fisicamente. Questo periodo è stato molto difficile per lui. Dopo Torino mi ha detto che soffriva molto, per questo abbiamo scelto l’operazione. Fortunatamente è stato un successo e oggi può giocare liberamente. Ne siamo molto felici.»

 

DAVIDOVICH FOKINA: “UNA SETTIMANA COMPLETAMENTE PAZZA! “

“Alejandro, devi essere deluso ma allo stesso tempo ricorderai questa settimana…

Senza dubbio (sorriso). È stata una settimana pazzesca. Mi sono divertito così tanto ogni giorno, ogni partita. Non ho parole. E soprattutto sono stanchissimo. Ho vissuto molte emozioni. Battere giocatori all’apice della loro carriera, il numero uno del mondo Djokovic… Giocare qui, a Monte-Carlo, in uno stadio pieno, con questo pubblico incredibile. Il mio corpo mi mollerà. Avrò bisogno di una birra per riprendermi (ride).

Giochi sempre con un calzino bianco e l’altro nero. Hai un problema di lavaggio?

Non c’è una tradizione. Non c’è alcuna spiegazione. C’è un po’ di superstizione. Se mai vedrete Davidovitch Fokina con due calzini bianchi o due neri, non sono io. È mio fratello (scherza). Ma avremo un problema a Wimbledon. Dovremo pensarci.

Questa finale di Masters 1000 cambierà le tue aspettative per il resto della stagione?

Certo. Questa settimana mi ha riempito di fiducia. Battere giocatori così forti è importante. Non so se dopo vincerò molte partite, rimarrò concentrato sul mio lavoro, lotterò per ogni punto. Assaporerò ogni momento, non importa se vinco o perdo. Ma spero di continuare… D’altronde, continuo subito con Barcellona nonostante la fatica. Abbiamo solo due o tre tornei in Spagna, quindi voglio giocare davanti al nostro pubblico, ai miei amici…

I NUMERI 1 ASSICURANO

Erano favoriti e hanno mantenuto le aspettative. Questa domenica, i numeri 1 del mondo, Rajeev Ram e Joe Salisbury, si sono imposti 6-4, 3-6, 10-7, contro le teste di serie N°6, Juan Sebastian Cabal e Robert Farah, vincendo il loro primo Rolex Monte Carlo Masters. Solida al servizio e in risposta, la coppia ha vinto in 1h38. Associata nel doppio da più di tre anni, la coppia anglo-americana ha così conquistato il sesto titolo, il secondo nell’ATP Masters 1000 dopo la vittoria a Toronto, nell’agosto 2021.

Tennis : Monte Carlo 2022 –

Era il loro primo incontro in questa stagione, il primo della loro carriera sulla terra battuta. E l’incontro è stato all’altezza delle aspettative, tra due coppie di specialisti del settore, abituati alle grandi finali. I quattro giocatori sono riusciti a mantenere un livello molto alto per tutta la partita. La prova? Le due coppie hanno conquistato quasi altrettanti punti ciascuna – 62 per i vincitori, 61 per la coppia colombiana -. Idem al ritorno, dove le due squadre ottengono rispettivamente 21 e 20 punti, così come al servizio dove le due squadre ottengono la stessa percentuale di successo alle prime palle (70%).

Il primo set è stato dominato dai favoriti che hanno concluso, 6-4, senza tremare, su un ace di Salisbury. Poco prima, il duo aveva appena fatto break sul 3-3, per passare rapidamente in vantaggio 5-3.

La seconda manche è stata molto equilibrata. Cabal e Farah hanno mantenuto la pressione. Questo ha permesso loro spuntarla sul 4-3 ottenendo tre break point. Il terzo sarà quello buono: 5-3, poi 6-4.

La finale si è quindi giocata al super tie-break e sono stati i favoriti a stringere il gioco nei punti cruciali. Hanno vinto 10-7 grazie a un dritto vincente di Joe Salisbury.

“UN SAPORE PARTICOLARE”

In questa domenica di Pasqua, sono molto felice di accogliervi in ​​occasione del 125° anniversario del nostro torneo. Un anniversario dal sapore speciale. Con in primis il ritorno del pubblico dopo due anni di assenza. Che piacere vedere che siamo sold out da mercoledì. Abbiamo accolto un totale di 132.500 spettatori.

Le partite si sono svolte davanti a tribune piene e in un clima primaverile mite. Gli spettatori sono stati entusiasti per tutta la settimana con partite molto combattute, spesso di grande intensità. Come questa storica giornata di venerdì per i quarti di finale. Quattro partite e dodici ore di tennis non-stop sul Campo Rainier III con ferventi spettatori che rimasti fino a notte fonda per supportare i giocatori in un’atmosfera carica di energia. Dall’era degli Open, questa è la prima volta che tutti e quattro i quarti di finale vengono giocati al meglio dei tre set.

Questi incontri hanno visto emergere o confermarsi nuovi talenti.

Penso in particolare al monegasco Lucas Catarina, autore di una buona prestazione al primo turno contro Taylor Fritz, che conferma di avere tutte le armi per essere alla pari con i migliori del mondo. Penso anche ai giovani italiani Lorenzo Musetti e Jannik Sinner che hanno entusiasmato un pubblico italiano molto presente visto che rappresenta il 35% del totale delle presenze. Infine, al giovane finalista Alejandro Davidovich Fokina, che a dire il vero non era lo spagnolo che ci aspettavamo in finale, ma che dopo la formidabile vittoria contro Novak Djokovic è riuscito a mantenere un ottimo livello di gioco.

Un’edizione di successo segnata dall’arrivo di tre nuovi partner, Generali, Maserati e Replay, insieme a tanti altri, che ci sono rimasti fedeli. È anche un’occasione per ricordare che Rolex ha rinnovato la sua partnership per i prossimi 10 anni e BNP Paribas per altri 3 anni.

Partner prestigiosi che partecipano e contribuiscono all’influenza del torneo e all’animazione del villaggio VIP con la presenza di personalità rinomate. Tra questi, i calciatori Neymar e Verratti, il pilota di F1 Charles Leclerc, il nuotatore Florent Manaudou e i cestisti del Roca Team.

Monaco ha vibrato per tutta la settimana al ritmo del torneo. Più di 850 persone sono coinvolte nell’organizzazione. Inoltre, sono 80 i raccattapalle, reclutati dal Monte-Carlo Country Club e dai club della regione, e 80 guardalinee, che completano l’organico legato alla competizione. Infine, 300 persone sono impiegate per la ristorazione.

Per celebrare il ritorno del pubblico, il tennis si è persino invitato sulla Piazza del Casinò di Monte-Carlo, luogo emblematico del Principato, per un’esibizione di minitennis. I fan hanno potuto assistere a un tie-break tra Novak Djokovic, doppio vincitore del Rolex Monte-Carlo Masters, e Stan Wawrinka, vincitore in terra monegasca nel 2014.

E ora, spazio a una finale senza precedenti tra lo straordinario spagnolo Alejandro Davidovich Fokina e il campione in carica Stefanos Tsitsipas.

NOVITA’ O CONTINUITÀ?

Uno era previsto, l’altro meno. Anche se. Finalista ai quarti del Rolex Monte-Carlo Masters e al Roland-Garros nel 2021, Alejandro Davidovich Fokina faceva già parte di una rosa di temuti avversari sulla terra battuta. Ma da lì a immaginarlo giocare una prima finale sul circuito (vedi altrove), questa settimana, nel Masters 1000, battendo il numero uno del mondo, Novak Djokovic, è stato un passo che forse sembrava piccolo per lui, ma più grande di una scivolata sulla terra battuta per il Tribunale supremo del tennis.

Stefanos Tsitsipas era logicamente uno dei favoriti sulla linea di partenza per difendere il suo titolo, il primo in Masters 1000, vinto lo scorso anno nel Principato. La sua finale al Roland Garros (persa contro Djokovic dopo aver condotto due set a zero) ha consolidato il suo status di riferimento sulla terra battuta. Ma eccolo di fronte a questa sfida interessante. Solo cinque giocatori sono riusciti a mantenere la corona nel Principato da un anno all’altro. Ovviamente Rafael Nadal (dal 2005 al 2012 poi dal 2016 al 2018), Juan Carlos Ferrero (2002 e 2003), Thomas Muster (1995 e 1996), Bjorn Borg (1979 e 1980) e Ilie Nastase (dal 1971 al 1973). Solo della gran bella gente.

La sua semifinale express contro Alexander Zverev gli darà un ulteriore vantaggio, quello di una relativa freschezza poiché Davidovich Fokina ha dovuto ancora attingere alle sue riserve per superare Dimitrov. Per non parlare del fattore emotivo con cui lo spagnolo, alle prime armi a questo livello, dovrà fare i conti. Ma anche Alejandro Davidovich Fokina ha una vendetta da prendere sul destino. L’anno scorso, per il suo primo quarto di finale in Masters 1000, è stato costretto al ritiro, infortunato alla coscia sinistra, dopo 1 ora di gioco e la sconfitta del primo set 7-5 contro… Tsitsipas. Questa volta, che vinca o che perda, lo spagnolo ha intenzione di lottare fino alla fine.

Faccia a faccia

Davidovich Fokina-Tsitsipas 0-2

2021, Monte-Carlo, terra battuta, quarti di finale, Tsitsipas 7-5, ritiro

2022, Rotterdam, indoor, primo turno, Tsitsipas, 7-5, 6-7(1), 6-4

Alejandro Davidovich Fokina

5 cose da sapere su Alejandro Davidovich Fokina

A 22 anni, Alejandro Davidovich Fokina ha appena dato una grande spinta di acceleratore alla sua carriera. Dopo tre battute d’arresto, la sua quarta semifinale sul circuito porta quindi a una prima finale. In Masters 1000 se permettete! In precedenza, era arrivato nelle semifinali all’Estoril nel 2019 dopo essere uscito dalle qualificazioni (battuto da Pablo Cuevas 3-6, 6-2, 6-2), a Colonia nel 2020 (contro Alexander Zevrev 7-5, 7- 6) e ancora all’Estoril nel 2021 (contro Albert Ramos Vinolas 6-1, 6-4).

In campo, Alejandro Davidovich Fokina è un combattente, un tignoso. Gli piace correre, combattere, giocare partite lunghe e faticose. Un gusto per il combattimento che ha ereditato dal padre Eduard, ex pugile. Ma se ha sempre apprezzato l’arte nobile (non perde occasione per vedere il film Creed, seguito della saga di Rocky), non ha mai potuto praticarla. Suo padre gli aveva messo in mano una racchetta dall’età di due anni piuttosto che i guantoni da boxe.

Se il gioco di Alejandro Davidovich Fokina può essere descritto come un “classico terrestre spagnolo”, basato su un grande topspin, su intensità e resistenza, il 22enne spagnolo non è un giocatore tenero. Non esita mai a sporcarsi la maglietta e non ha paura di tuffarsi sulla palla (5 volte contro Taylor Fritz questa settimana) e ama sorprendere i suoi avversari usando regolarmente il servizio a cucchiaio. Forse meno di Nick Kyrgios, ma comunque. Nei quarti di finale e nelle semifinali del Rolex Monte-Carlo Masters ci ha provato. Idem lo scorso anno, al Roland-Garros, durante il suo testa a testa in 5 set e 4:35 contro Casper Ruud.

Sì, Alejandro Davidovich Fokina è un vero specialista della terra battuta. È la superficie su cui ha ottenuto i suoi migliori risultati sul circuito ATP. Ma quando era più giovane, ammirava Roger Federer più di Rafael Nadal. Il che forse spiega la sua incoronazione, un po’ a sorpresa, tra gli juniores a Wimbledon nel 2017. Un presunto gusto per l’erba che non si è ancora tradotto in risultati a Wimbledon. Dopo due eliminazioni nelle qualificazioni nel 2018 e nel 2019, è stato eliminato al primo turno nel 2021.

Lupo in campo, agnello fuori. Alejandro Davidovich Fokina ha una particolare tenerezza per la causa animale. Soprattutto dopo la pandemia di Covid e il moltiplicarsi degli abbandoni post lock-down. Nell’aprile 2021 ha anche lanciato una piattaforma adoptaas.org per facilitare l’adozione di animali domestici abbandonati.

Il suo percorso

1° giro: batte Marcos Giron (USA) 7-5, 6-3

2° giro: batte Novak Djokovic (SER) 6-3, 6-7(5), 6-1

1/8° giro: batte David Goffin (BEL) 6-4, 6-1

Quarti di finale: batte Taylor Fritz (USA) 2-6, 6-4, 6-3

Semifinale: batte Grigor Dimitrov (BUL) 6-4, 6-7(3), 6-3

Stefanos Tsitsipas

5 cose da sapere su Stefanos Tsitsipas

Può sembrare sorprendente, ma nessun giocatore di nazionalità greca era entrato nella Top 100 prima di Stefanos Tsitsipas. Due si sono avvicinati, Nicky Kalogeropoulos (108° nel 1973) e Konstantinos Iconomidis (112° nel 2007). E se qualcuno non ha mancato di ricordare le origini greche di Pete Sampras, Mark Philippoussis, Nick Kyrgios o Thanasi Kokkinakis, è tra le ragazze che si è registrata la migliore prestazione con il 13° posto alla WTA di Eleni Daniilidou.

Nel 2021, 40 anni dopo la madre, Stefanos Tsitsipas ha inciso il suo nome sulle lastre di marmo che adornano il Monte-Carlo Country Club. Infatti, nel 1981, Julia Salnikova, era stata titolata nella categoria juniores a Monaco sotto la bandiera dell’Unione Sovietica. Hanno persino immortalato il momento insieme. Suo padre e l’allenatore, Apostolos, lavoravano nel club di Glyfada, alla periferia di Atene. E suo nonno, Sergei Salnikov, è stato campione olimpico di calcio nel 1956. Quindi tre generazioni di campioni.

Stefanos Tsitsipas ha 23 anni e se oggi è uno dei migliori tennisti del pianeta lo deve, in parte, anche alla Patrick Mouratoglou Academy. Il greco, infatti vi si è unito nel 2015, all’età di 16 anni, dopo essere stato notato dal padrone della società su… You tube. Condividendo le stesse origini del giovane talento, e particolarmente interessato al profilo tecnico del suo gioco, Patrick Mouratoglou gli ha permesso di sbocciare e migliorare all’interno delle strutture del Sophia Antipolis.

L’anno scorso Stefanos Tsitsipas ha raggiunto la finale del Roland-Garros. A 22 anni, 9 mesi e 30 giorni. E se già tutti immaginano Carlos Alcaraz, 18 anni, che firma un nuovo marchio di riferimento, lo spagnolo è ancora lontano. Ma ottenendo questa prestazione nel 2021, Tsitsipas è diventato il più giovane finalista degli Internazionali di Francia dal… 2008 e un certo Rafael Nadal, che quell’anno stava già giocando la sua quarta finale.

Da bambino, intorno agli 11-12 anni, Stefanos Tsitsipas ha creato una pagina Facebook, Tennis Court ITN, per pubblicare i risultati di Federer, Nadal e Djokovic. Una fibra giornalistica che ha sempre conservato, iscrivendosi anche ai corsi di giornalismo online dell’Università di Harvard. Poi il greco è diventato uno specialista dei social network, condividendo in particolare i suoi video in un “vlog” con visite alle città durante tornei, viaggi…

Il suo percorso

1° giro: ciao

2° giro: batte Fabio Fognini (ITA) 6-3, 6-0

1/8 di finale: batte Laslo Djere (SER) 7-5, 7-6(1)

Quarti di finale: batte Diego Schwartzman (ARG) 6-2, 6-7(3), 6-4

Semifinale: batte Alexander Zverev (GER) 6-4, 6-2

TSITSIPAS, LO RIFACCIAMO?

Doppietta per Tsitsipas? Il greco, in ogni caso, se ne dà i mezzi. Mentre ci aspettavamo una finale anzitempo, tra le maggiori due teste di serie rimaste, sabato pomeriggio, l’attuale 5° al mondo si è sbarazzato facilmente di Alexander Zverev, 3° al mondo, testa di serie N°2, in semifinale: 6-4, 6 -2, in appena 1h15 di gioco, si è qualificato così per la sua seconda finale consecutiva sul Rocher.

Un sollievo per il 23enne greco, che ieri ha dovuto lottare per uscirne in extremis, contro Diego Schwartzman, in una lotta dantesca durata fino a tarda serata (vittoria 6-2, 6-7, 6- 4 dopo aver salvato una palla 0-5 nel terzo set).

Questa volta, la partita ha lasciato poco spazio alla suspense. Il primo set è stato segnato da una serie di break, 5 in totale, ma logicamente è stato Stefanos Tsitsipas ad accaparrarseli. Nonostante abbia perso il servizio sul 5-3, quando stava per servire per vincere la prima manche, la testa di serie N°3 ha fatto un break in bianco nella foga per andare in testa senza tremare 6-4. Un punteggio abbastanza logico visto che Zverev aveva commesso quasi il doppio dei falli del greco.

Anche il secondo set non ha avuto molta suspense. Solidissimo nel servizio e tatticamente abile, Tsitsipas si è creato situazioni favorevoli ed ha evitato di mettersi in pericolo nelle messe in gioco. Anche nel ritorno il greco ha mostrato grande costanza e ha difeso perfettamente gli attacchi dell’avversario. Nel sesto gioco, quando era in vantaggio 3 giochi a 2, ha ottenuto 2 break point che ha convertito in un altro errore non forzato in larghezza del suo avversario. Ha chiuso il match, 6-2, con un potente passaggio di rovescio che Zverev non è riuscito a controllare in rete. “Sapevo che ero reduce da una partita importante di ieri sera contro Diego. Il mio corpo ha dovuto recuperare correttamente. Sono soddisfatto di essere riuscito a farlo oggi”, ha reagito a caldo l’interessato.

Per sperare di vincere una seconda volta il Rolex Monte-Carlo Masters, Stefanos Tsitsipas dovrà liberarsi della rivelazione del torneo, Alejandro Davidovich Fokina, che ha eliminato Grigor Dimitrov, un po’ prima nel pomeriggio, ma soprattutto il N°1 del mondo 1, Novak Djokovic, al secondo turno martedì. Questo incontro avrà un sapore di rivincita, visto che l’anno scorso il 22enne spagnolo è stato costretto a rinunciare dopo il primo set, durante il loro incontro nei quarti di finale (7-5, ab.) Una cosa è certa, quello che apparirà come preferito è già pronto. “Alejandro ha giocato un ottimo tennis questa settimana. Per vincere dovrei essere al 100% fisicamente e mentalmente”. Se il greco vincerà domenica pomeriggio, sarà così il sesto giocatore a vincere il Rolex Monte-Carlo Masters per due volte di seguito.

“FOKI” È CRESCIUTO BENE

Dall’inizio della settimana, dal suo exploit al secondo turno contro Novak Djokovic, Alejandro Davidovich Fokina sorvola i dibattiti del Rolex Monte-Carlo Masters. Nulla può fermare il nativo di Malaga sulla terra del campo Ranieri III. Anche se la pressione di una prima semifinale in ATP Masters 1000 gli ha fatto perdere il 2° set, il giovane spagnolo ha vinto (6-4 7-6 6-3) contro Grigor Dimitrov. A 22 anni, eccolo proiettato come ospite a sorpresa nella finale di domenica.

Per Grigor Dimitrov, più avvezzo a raggiungere questa fase della competizione visto che era la sua ottava apparizione nelle semifinali di un Masters 1000, la seconda al Monte-Carlo Country Club, la problematica era molto simile a quella che per lungo tempo ha usurato Roger Federer sulla terra contro Rafael Nadal. Il bulgaro si è ritrovato regolarmente a dover colpire sul rovescio con una sola mano per le palle in topspin dell’avversario. Uno scenario che aveva già vissuto durante il loro primo e unico confronto, vinto da Davidovich Fokina, lo scorso anno a Roma.

L’ex N°3 del mondo anche se variava, cercando di accorciare lo scambio con degli slice di rovescio, si è subito trovato messo alle strette da Davidovich Fokina. Abbiamo sentito nervosismo anche nel bulgaro. Come quel doppio fallo sul break point sull’1-1. Lo spagnolo non chiedeva di meglio. Il break, in tasca, ha afferrato il primo set 6-3.

Nel 2° set, gli errori diretti accumulati da Grigor Dimitrov hanno permesso al giovane terrestre di staccarsi fin dal 2° gioco. Ma quando è arrivato il momento di servire per il match sul 5-4, lo spagnolo, il cui progresso mentale aveva largamente dato i suoi frutti, si è lasciato intimidire dalla posta in gioco. Come una piccola iniezione di memoria di ciò che in passato a volte gli ha avvelenato delle partite. Il bulgaro ha saputo cogliere l’occasione per convertire il secondo break point e tornare a quota 5 pari. Davidovich Fokina crolla al tie-break, vinto 6-2 da Dimitrov. Una seconda manche ingloriosa dove i due giocatori hanno accumulato 39 errori diretti per soli 13 tiri vincenti.

Vincere il secondo set ha ridato speranza al bulgaro. Ha fatto il break d’ingresso. Di fronte, lo spagnolo sembrava pagare per le ore trascorse in campo questa settimana, il suo tennis potente e i suoi ripetuti tuffi. Sul 2-0, “Foki”, ha chiesto un time out medico. Prima del pungere di nuovo. A quel punto Grigor Dimitrov si è irrigidito. Quando aveva 4 palle di 3-0, fa tornare lo spagnolo che ottiene 2 break point sul 3-2. Il primo trasformato su grosso fallo del bulgaro la cui palla ammortizzata finisce in corridoio. Sul 5-3 40-0, Alejandro Davidovich Fokina, decisamente un po’ cotto, ha galvanizzato il primo match point prima di concludere con un servizio vincente. In ginocchio a terra, ha potuto assaporare questa qualificazione per la sua prima finale del Masters 1000. Di gran lunga non un gran match con un totale di 98 errori diretti. Ma poco importa come, “Foki” sia cresciuto. Come ha fatto trapelare il giorno prima, ha lavorato sulla sua mente e ciò ha dato i suoi frutti.

È stata una partita difficile! Ho avuto la mia occasione nel 2°, ma ha giocato bene e io ero un po’ nervoso. Ma ho continuato a spingere i miei limiti. Ero stanco. Ma ringrazio la mia squadra e il pubblico che mi ha supportato in ogni momento. Senza di loro non sarebbe stato possibile”, ha dichiarato il primo finalista conosciuto di questo Rolex Monte-Carlo Masters 2022.