• it

Rafael Nadal: “Una settimana grandiosa”.

ROLEX MONTE-CARLO MASTERS 2019
22.04.2018

Rafael Nadal ha faticato a trovare le parole per spiegare quanto gli piacesse questo undicesimo titolo al Rolex Monte-Carlo Masters, quanto fosse importante per il lancio della sua stagione in terra battuta. Lo spagnolo lascia Monaco in buona forma, il morale è buono e ha scritto un altro pezzo di storia del suo sport.

11 titoli a Rolex Monte Carlo Masters, 31 Masters 1000, 76 titoli in carriera: come riesci a mantenere intatte la motivazione e la passione per il gioco?

Tutte queste cose non dureranno per sempre, so che sono più vicino a dire addio rispetto a dieci anni fa, quindi voglio assaporare ogni momento e giocare con tutta la passione possibile, con tutto l’amore che ho per questo sport. Questo è un giorno speciale per me perché vincere di nuovo questo titolo significa molto per me personalmente, ma anche nella storia di questo sport.

Eri nervoso nella tua semifinale, come ti sei sentito per questo finale?

La sensazione era diversa. È vero che all’inizio ho avuto un break di ritardo a causa di errori tattici, ma ho recuperato rapidamente, ho subito cambiato le cose, ho iniziato a variare di più, a cambiare le direzioni e questo ha pagato subito. Poi ho iniziato a vedere che Kei era stanco, quindi mi ha incoraggiato a continuare così e farlo muovere molto. Ho giocato una partita solida, ho migliorato rispetto alle semifinali anche se la mia migliore partita del torneo l’ho fatta nei quarti contro Thiem. Ma è stata una grande finale, una grande settimana, ho battuto degli avversari duri senza perdere un set: è stato grandioso.

Che cosa hai pensato quando le immagini di te nei tuoi precedenti titoli al Rolex Monte-Carlo Masters sfilavano sul grande schermo prima della cerimonia di premiazione?

Che ero vecchio (sorride). Undici titoli qui, è incredibile. È così difficile da fare. Non so nemmeno come sia possibile perché rappresenta talmente tanti anni in cui non ho commesso errori, tanti anni in cui non ho avuto sfortuna quella settimana. La mia storia con questo torneo è unica. Se l’ho fatto io, qualcun altro può farlo ma rimane ancora molto difficile. Sono felice di portare un nuovo trofeo al museo della mia accademia!

E lasci il torneo in grande forma, cosa che dovrebbe rassicurarti dopo le preoccupazioni dell’inizio della stagione?

Sì, è molto importante per la mia fiducia. Spero di rimanere in buona salute durante tutta la stagione su terra e qui ho iniziato bene. Ho un tabellone difficile a Barcellona, ​​ma non ci penserò fino a domani. Ora voglio assaporare la vittoria. Dopo ovviamente sarà il momento di concentrarsi. Di nuovo perché non è il momento di staccare: devo mantenere una buona dinamica.

Kei Nishikori: “Sapevo che sarebbe stato difficile mantenere il mio livello di gioco dall’inizio alla fine perché riporta talmente tante palle. E poi nel secondo set, non avevo più energia. Ti fa lavorare su ogni punto, rende tutto difficile. Ha fatto una grande partita. Ma ho passato una settimana molto buona anche se non ho giocato il mio miglior tennis in finale. Ho avuto delle partite lunghe ma mi sono mantenuto fisicamente bene. Questa stagione sulla terra rossa è molto importante per me: voglio prendere molti punti e fiducia. ”